Petri Emanuele

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Valore Civile

Alla Memoria


Sovraintendente della Polizia di Stato
Data del conferimento: DPR 05/03/2003

Gazzetta ufficiale: N°113 del 17.5.2003


Motivazione:

“Impegnato in servizio di scorta viaggiatori sul treno Roma-Firenze, notando due persone sospette, decideva, unitamente ad altri colleghi, di procedere al loro controllo. Ne seguiva una violenta colluttazione nel corso della quale veniva colpito a morte da alcuni colpi di pistola esplosi dai due, risultati essere pericolosissimi terroristi, permettendo così, con il sacrificio della propria vita, la cattura degli stessi. Fulgido esempio di attaccamento al dovere, coraggio e capacità professionale, poste al servizio della collettività. 2 marzo 2003 – Castiglion Fiorentino (AR)”

 


Biografia


Venne ucciso il 2 Marzo mentre, insieme ad altri due colleghi, tutti sovrintendenti, effettuava un servizio di scorta viaggiatori a bordo di un treno regionale della linea Roma-Firenze. Durante il tragitto, poco prima della Stazione Ferroviaria di Castiglione Fiorentino (AR), Petri e gli altri agenti decisero di controllare un uomo ed unadonna che viaggiavano a bordo del convoglio. Alla richiesta dei documenti Petri e gli altri due colleghi si accorsero che questi erano falsi, ma i due sospetti reagirono immediatamente. L’uomo estrasse una pistola e, puntatola al collo del Sovrintendente Petri intimò agli agenti di gettare le armi. Uno dei poliziotti obbedì, gettando la propria pistola sotto ai sedili, distraendo la donna. Il sospetto reagì, sparando alla gola del Sovrintendente Petri, uccidendolo sul posto e facendo fuoco contro il secondo poliziotto che, seppur gravemente ferito rispose ferendo mortalmente il sospetto. Il terzo agente riuscì a bloccare la donna dopo una breve colluttazione ed a richiedere i soccorsi, giunti alla Stazione di Castiglion Fiorentino. Per il sovrintendente Emanuele Petri purtroppo non c’era più nulla da fare mentre il collega ferito, il Sovrintendente Fortunato Bruno, venne salvato dopo una difficile operazione chirurgica. Il sospetto morì in sala operatoria alcune ore dopo. I due sospetti erano terroristi delle Brigate Rosse, in clandestinità da diversi anni. La sparatoria del treno Roma-Firenze permise agli investigatori della Polizia di Stato di ricostruire la storia delle nuove Brigate Rosse e, nei mesi successivi, la cattura di tutti i membri dell’organizzazione terroristica, responsabili tra le altre cose, dell’assassinio dei consulenti del Ministero del Lavoro Massimo D’Antona e Marco Biagi, uccisi in due distinti agguati rispettivamente nel 1999 e nel 2002. La terrorista catturata durante il conflitto a fuoco venne condannata all’ergastolo per l’assassinio del Sovrintendente Emanuele Petri e per quelli dei professori universitari D’Antona e Biagi. Gli altri membri delle Brigate Rosse, catturati in seguito, vennero condannati all’ergastolo ed a altre pesantissime pene detentive. Emanuele Petri nato a Castiglion del Lago il primo febbraio del 1955, era entrato in Polizia nell’ottobre del ’73 come allievo frequentando il corso nella scuola di Trieste. Nel maggio del ’74 era stato trasferito a Roma, all’Autocentro di Polizia, poi nel ’75 in quello di Firenze. Nel ’78 era arrivato alla questura di Arezzo dove era rimasto fino all’agosto del ’91 anno in cui era passato al compartimento di Polizia Ferroviaria di Arezzo. In questo lungo periodo Emanuele si era sposato e aveva avuto, nel 1984, un figlio di nome Angelo che oggi ha 19 anni. Nel 1992 il sovrintendente era stato assegnato alla Polfer di Terontola. Il Sovrintendente Emanuele Petri, sposato e padre di un figlio ( arruolatosi in Polizia dopo la morte del padre) era impegnato anche nel sociale. Il giorno della sua morte non avrebbe dovuto trovarsi in servizio, ma aveva chiesto ed ottenuto di potere essere sostituito per avere un giorno libero ed assistere un ex collega dei Carabinieri, afflitto da una gravissima malattia. Il sovrintendente Bruno Fortunato, il poliziotto che, nonostante la gravissima ferita, era riuscito ad abbattere uno dei terroristi ed a permettere la cattura della seconda criminale, a causa della lesione subita si dimise per motivi di salute.
Traumatizzato dagli eventi del 2 marzo 2003 si tolse la vita ad Anzio (Roma) il 9 aprile 2010.


Fonti: