Macciantelli Daniele

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Valore Civile

Alla Memoria


Assistente della Polizia di Stato
Data del conferimento: DPR 05/05/2009

Gazzetta ufficiale: N°


Motivazione:

“Con determinazione e sprezzo del pericolo si introduceva nell’abitazione di un giovane con gravi problemi psichici che, armato di coltello, minacciava i propri genitori. Durante l’intervento, veniva ferito mortalmente dal ragazzo, ma con uno sforzo estremo riusciva a bloccarlo, consentendo agli altri colleghi di renderlo inoffensivo. Splendido esempio di non comune ardimento ed altissimo attaccamento al dovere spinti fino all’estremo sacrificio. 25 settembre 2008 – Ceranesi (GE) ”

 


Biografia


Morì alle 23,45 del 25 Settembre all’ospedale San Martino di Genova, dove era stato ricoverato in seguito alla gravissima ferita di coltello subita poco prima ad opera di uno squilibrato. Nella tarda serata del 25 Settembre i sanitari di un’autoambulanza del 118 intervennero in una abitazione di Salita Serra Riccò, nel quartiere genovese di Pontedecimo dove due coniugi avevano chiesto il loro intervento poiché non riuscivano a calmare il loro figlio, un giovane di 27 anni, il quale stava dando in escandescenze. I paramedici, una volta arrivati, non riuscendo a calmare il giovane chiamarono in ausilio la Polizia. Poco dopo giunsero nell’abitazione due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Liguria, di uno dei quali era componente l’assistente Daniele Macciantelli. Gli agenti iniziarono a parlare con il giovane squilibrato, cercando di convincerlo ad arrendersi. L’intervento dei poliziotti sembrò inizialmente riportare alla calma il giovane, ma all’improvviso questi si scagliò sugli agenti armato di un coltello con il quale vibrò un violento colpo all’addome dell’assistente Macciantelli, ferendolo gravemente. Gli altri agenti riuscirono a bloccare faticosamente il folle, arrestandolo, mentre i paramedici presenti soccorsero immediatamente Daniele Macciantelli, le cui condizioni però apparvero immediatamente disperate poiché la lama aveva perforato uno dei polmoni, giungendo a toccare il cuore. Trasportato in ospedale l’assistente Daniele Macciantelli morì in sala operatoria. Daniele Macciantelli lasciò la madre, il fratello e la sorella. Egli era figlio di un ispettore della Polizia di Stato, deceduto alcuni anni fa, e nipote della guardia di Pubblica Sicurezza Mario Macciantelli, Caduto in Servizio il 14 Maggio 1944 durante un bombardamento Alleato sulla città di Vicenza. Il 9 Maggio 2009, durante la Festa per il 157° Anniversario di fondazione della Polizia di Stato, alla memoria dell’assistente capo Daniele Macciantelli fu conferita la Medaglia d’Oro al Valor Civile alla Memoria e la promozione postuma alla qualifica di vicesovrintendente della Polizia di Stato.


Fonti: quotidiano “il Secolo XIX”, agenzia di stampa AGR