Lanza Salvatore

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Merito Civile

Alla Memoria


Guardia della Polizia di Stato
Data del conferimento: DPR 12/05/2004

Gazzetta ufficiale: N°200 del 29.8.2006 S.O. n° 187


Motivazione:

“Impegnato in servizio di vigilanza nei pressi del carcere di Torino, veniva mortalmente ferito da colpi d’arma da fuoco nel corso di un vile attentato posto in essere da terroristi, non senza aver tentato di reagire. Mirabile esempio di coraggio spinto sino all’estremo sacrificio. 15 dicembre 1978 – Torino ”

 


Biografia


Fu assassinato insieme al collega Porceddu Salvatore a Torino in un agguato compiuto da terroristi delle Brigate Rosse, il 15 Dicembre . Le Guardie Lanza e Porceddu, in servizio da poco più di due anni, erano impiegati nella vigilanza esterna del carcere delle “Nuove” a Torino, a bordo di un pulmino della Polizia. Poco prima dell’alba il loro automezzo fu affiancato da un’auto Fiat 127 di colore rosso con tre persone a bordo, le quali aprirono il fuoco con mitra e fucili caricati a lupara contro le Guardie Salvatore Lanza e Salvatore Porceddu, uccidendoli entrambi. I Carabinieri del generale Carlo Alberto dalla Chiesa arrestarono in seguito cinque persone coinvolte nell’assassinio delle Guardie di Pubblica Sicurezza Lanza e Porceddu. Uno degli arrestati, già coinvolto nell’assassinio del Procuratore Generale di Genova Francesco Coco, venne condannato all’ergastolo per concorso morale nell’omicidio di Lanza e Porceddu. Salvatore Lanza lasciò i genitori e tre fratelli minori.


Fonti: