Incontro con il Capo della Polizia S.E. Alessandro Pansa

Incontro con il Capo della Polizia S.E. Alessandro Pansa
Commenti disabilitati

Il 27 Ottobre u.s. , alle ore 17,30 nel palazzo del Viminale a Roma, il Consiglio Nazionale dell’ANPS , è stato ricevuto dal Capo della Polizia S.E. Prefetto Alessandro Pansa. A cinque mesi dal suo insediamento, avvenuto il 31 maggio 2013, finalmente abbiamo coronato un desiderio ed una ambizione che, coltivata a lungo col suo predecessore, non avevamo potuto soddisfare.

E sì,con Antonio Manganelli non fu pos-sibile. Vuoi per gli impegni istituzio-nali ma soprattutto per la salute e le cure, non ci fu possibile vederci e stare assieme almeno una manciata di minuti. Ed è da dire che Il Capo, come tutti amavamo chiamarlo, ha avuto sempre nel cuore l’ANPS, i suoi associati e le Sezioni, il nostro Presidente Nazionale, con cui nello ultimo biennio di reggenza ebbe un feeling diretto.- Così, mentre attende-vamo nella sala riunioni, il pensiero è andato a Lui, agli anni trascorsi in quegli ambienti, alle gioie, ai dolori, alle decisioni, anche amare, che ivi aveva dovuto prendere nell’interesse della Nazione . Un velo di tenera commozione, presto interrotto dall’annunzio che entrava il nuovo Capo della Polizia.
L’incontro è stato veramente gratificante. Semplice, sobrio nelle forme, spoglio di ogni facile retorica, ricco di contenuti autentici e di stimoli.
Il Presidente dell’ANPS Savarese, dopo aver pre-sentato il Consiglio, si è soffermato per alcuni minuti a descrivere l’Organizzazione del Sodalizio sul territorio nazionale e le attività attualmente intraprese per sostenere le tradizioni della Polizia di Stato e la sua memoria storica . In particolare, ha sottolineato le iniziative assunte per rendere più presenti le figure dei caduti e le ricerche in corso, svolte dal Cons. Naz. Chessa, per la definitiva e completa ricostruzione del Medagliere della Polizia di Stato di cui l’Associazione detiene con orgoglio la custodia.
Concludeva informando il Capo della Polizia del prossimo Raduno Nazionale,fissato in Salerno per i giorni 14 e 15 giugno 2014, ipotizzando una Sua partecipazione alla cena del 14 giugno da organizzarsi con numerosi rappresentanti del Sodalizio, e per la quale gli rivolgeva formale invito.

Il Cons. Naz. Chessa presentato al Capo della Polizia

Il Cons. Naz. Chessa presentato al Capo della Polizia

Il Capo della Polizia, ringraziando per l’invito, faceva presente che era sua reale intenzione essere presente, fatti salvi gli eventuali imprevisti istitu-zionali .Quindi, rivolgendosi a tutti i presenti, sottolineava, con partecipata convinzione, la grande importanza del ruolo sociale svolto dal Sodalizio, la cui funzione è quella di esprimere la continuità valoriale della tradizione in cui ha sempre operato ed opera la Polizia di Stato.
In tal senso, proseguiva, assumono grande importanza per l’Istituzione, le iniziative assunte dal Sodalizio per mantenere viva la memoria storica della Polizia, la funzione da questa svolta nel tempo, il sacrificio e l’operato dei suoi uomini , quale sedimento culturale che ha accompagnato la crescita sociale del nostro paese. Concludeva, quindi, stimolando l’ANPS a proseguire ed implementare i suoi impegni istituzionali, ad interagire col Dipartimento, assicurando la sua costante attenzione e la sua disponibilità in un cammino che ci vede comunque accomunati .
A conclusione dell’incontro venivano presentati dal Presidente Nazionale Savarese al Capo della Polizia, tutti i Consiglieri Nazionali, e con ciascuno di loro Il Capo si intratteneva affabilmente per conoscere l’attività svolta e gli attuali impegni .- Rientravamo , quindi, alla sede nazionale, convinti, come è tradizione storica dell’Ufficio del Capo della Polizia, di averlo autenticamente vicino e partecipe del nostro ruolo, ruolo che, per gli stimoli ricevuti, dovrà nel futuro rivelarsi sempre più incisivo .

Avv. Guido Chessa

Consigliere Nazionale ANPS



Le riproduzioni fotografiche sono di Matteo Losito e sono state fornite dall’Archivio ANPS della Sede Nazionale di Roma.