Graziosi Claudio

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Valore Civile

Alla Memoria


GUARDIA DI PUBBLICA SICUREZZA
Data del conferimento: DPR 20/06/1979

Gazzetta ufficiale: N°270 del 01.10.1984


Motivazione:

“In abiti civili, notate a bordo di un autobus cittadino due persone appartenenti ad organizzazione eversiva, con prontezza e decisione, al fine di assicurarli alla giustizia, invitava il conducente a dirottare il mezzo verso un Compartimento di Polizia. Costretto dalle circostanze, non esitava coraggiosamente a rivelare la propria identità ma, proditoriamente colpito dal fuoco di uno dei terroristi, cadeva mortalmente ferito pagando con la vita il suo alto senso di dedizione al dovere. Roma, 22 marzo 1977.”

 


Biografia


Fu ucciso il 22 Marzo a bordo di un autobus dell’ATAC a Roma, da un terrorista dei NAP . Alle 23 di quella sera la guardia Graziosi si trovava libero dal servizio, a bordo di un autobus della linea 27 dell’ATAC che percorreva Viale Trastevere verso Monte Verde Nuovo quando riconobbe in uno dei passeggeri, una giovane donna bionda, una pericolosa terrorista evasa da poco dal carcere di Pozzuoli. Claudio Graziosi, che si trovava in aggregazione a Roma con il proprio reparto, si avvicinò all’autista e, dopo essersi qualificato, gli chiese di dirigersi verso il più vicino posto di Polizia. L’autista si diresse verso il comando della Polizia Stradale di Via Volpato, sulla Gianicolense, ma i passeggeri iniziarono a protestare, costringendo Graziosi a qualificarsi ed a cercare di bloccare la sospetta, ma un secondo terrorista giunse alle spalle del poliziotto, sparandogli alla schiena. I due terroristi fuggirono in direzione del ponte ferroviario di via Portuense . Decine di equipaggi di Polizia e Carabinieri si recarono alle loro ricerche e in una successiva sparatoria rimase ucciso accidentalmente la guardia zoofila Aldo Cerrai. Il 1° Luglio i terroristi rimasero coinvolti in un conflitto a fuoco con i militari dell’Arma dei Carabinieri dinanzi alla chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma. L’uomo venne ucciso, mentre la donna venne arrestata insieme ad una complice.


Fonti: