Giglio Maurizio

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Valor Militare

Alla Memoria


Tenente di cpl. ( Fanteria , ) Luogo di nascita: Parigi ( Francia )
Data del conferimento: D. Luog. 02.03.1945

Bollettino Uff. Min.Guerra Dispensa 11 del 16.6.1945


Motivazione:

“Si portava alla conclusione dell’armistizio in territorio liberato desideroso di combattere contro i tedeschi. Assunto dal servizio informazioni della 5a Armata americana dopo un breve periodo di addestramento, ritornava in territorio occupato munito di apparato radiotrasmittente ed, arruolatosi nella polizia della pseudo repubblica sociale, svolgeva intelligente, preziosa opera informativa. Sorpreso mentre eseguiva delle fotografie, fermato e sottoposto ad indagini con sangue freddo ed astuzia riusciva a confondere i suoi avversari ed otteneva la liberazione. Arrestato dai fascisti in seguito ad indicazione strappata al suo radiotelegrafista fu sottoposto a feroci interrogatori e torture senza nulla rivelare sul suo servizio. Veniva poi barbaramente trucidato per rappresaglia, immolando la giovane vita generosamente offerta per la liberazione della Patria dalla oppressione nazifascista. Roma – Fosse Ardeatine, settembre 1943 -24 marzo 1944.
La data del Decreto è in corso di verifica”

 


Biografia


Venne ucciso dai tedeschi alle Fosse Ardeatine (Roma) il 24 Marzo, insieme ad altri 334 ostaggi, tra i quali il vicebrigadiere di Pubblica Sicurezza Pietro Lungaro . All’ingresso dell’Italia nella II Guerra Mondiale Maurizio Giglio si arruolò volontario nel Regio Esercito, combattendo valorosamente sul fronte greco dove venne ferito in battaglia e decorato con la Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Una volta ristabilitosi venne destinato prima ad un comando militare di Torino poi all’81° Reggimento di Fanteria, con il quale l’8 Settembre 1943 partecipò alla difesa di Roma dai tedeschi. Datosi alla macchia dopo la resa della Capitale attraversò le linee del fronte, mettendosi a disposizione dell’OSS, i servizi segreti americani. Dopo un breve periodo di addestramento rientrò a Roma, arruolandosi nella Polizia di Roma. Eseguì molte missioni per conto dell’OSS e della Resistenza italiana, del quale divenne uno dei membri più attivi, fornendo agli Alleati molte importanti notizie sull’attività delle truppe tedesche. Venne tradito il 17 Marzo 1944 da un traditore italiano, membro della famigerata Banda Koch, uno dei più feroci gruppi di collaborazionisti dei tedeschi. Torturato nel covo della banda, rifiutò di fornire i nomi dei propri compagni di lotta. Il 23 Marzo una bomba dei partigiani dei GAP uccise in Via Rasella a Roma oltre trenta soldati tedeschi ( le vittime salirono poi a 42). La GESTAPO di Roma decise l’esecuzione per rappresaglia di 335 prigionieri italiani, rastrellati nei vari luoghi di detenzione. Molti degli ostaggi destinati alla fucilazione vennero forniti da collaborazionisti italiani, tra i quali la banda Koch. Il tenente Giglio venne consegnato ai tedeschi che lo fucilarono alle Fosse Ardeatine. Pietro Koch e la maggior parte dei membri della sua banda vennero fucilati al termine del conflitto. Herbert Kappler, comandante della GESTAPO di Roma, venne condannato all’ergastolo da un Tribunale Militare italiano. Evaso nel 1977 dall’ospedale militare del Celio, nel quale era ricoverato a causa delle sue cattive condizioni di salute, morì in Germania l’anno successivo. Erich Priebke, collaboratore di Kappler nella strage delle Fosse Ardeatine, al termine della fuggì in Argentina. Arrestato nel 1995 ed estradato in Italia venne condannato all’ergastolo. Attualmente si trova agli arresti domiciliari a Roma.
Alla memoria del tenente ausiliario di Pubblica Sicurezza Maurizio Giglio venne concessa la Medaglia d’Oro al Valor Militare.


Fonti: www.romacivica.net/anpiroma/biografieitalia/biografieitg.htm
www.quirinale.it/onorificenze/