Dionisi Fausto

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Valore Civile

Alla Memoria


Guardia di Pubblica Sicurezza
Data del conferimento: DPR 09/06/1979

Gazzetta ufficiale: N°270 del 01.10.1984


Motivazione:

“Portatosi unitamente ad altri militari nei pressi di un carcere ove era stato segnalato un autofurgone rubato, notati alcuni individui in atteggiamento sospetto, li affrontava decisamente, al fine di identificarli. Colpito a morte dal proditorio ed improvviso fuoco dei malviventi immolava la vita ai più nobili ideali di giustizia ed alto senso del dovere. 20 gennaio 1978 – Firenze ”

 


Biografia


Firenze, 20 gennaio 1978. Verso mezzogiorno una donna molto giovane suona il campanello dell’alloggio di servizio adiacente al carcere delle Murate, dove abita il maresciallo degli Agenti di Custodia responsabile della vigilanza della struttura penitenziaria. Con uno stratagemma si fa aprire la porta dalla moglie del maresciallo e, tenendola sotto la minaccia di una pistola, fa entrare altri due giovani, che subito cominciano a segare le sbarre di una finestra che si affaccia sul cortile interno del carcere. Nel frattempo i due detenuti Renato Bandelli e Franco Jannotta terminano un identico lavoro, cominciato di buon mattino: stanno finendo di segare le barre di una finestra della cella in cui sono rinchiusi. Il piano del commando è evidente: aprire una via di fuga ai due detenuti attraverso l’appartamento del maresciallo, dopo aver divelto le sbarre della finestra che da sul cortile. In quel frangente, una pattuglia della Volante, composta da tre Agenti di P.S., giunge davanti al carcere e si trova di fronte altri due terroristi, uno armato di mitra e l’altro di rivoltella, che improvvisamente aprono il fuoco contro gli agenti. Fausto Dionisi, colpito in pieno petto, si accascia al suolo e morirà poco dopo, appena trasportato in ospedale. L’agente Dario Atzeni, colpito da quattro proiettili all’altezza dell’inguine, verrà salvato dopo un disperato intervento chirurgico. Il terzo agente, fortunatamente illeso, risponde al fuoco dei terroristi, che gli lanciano contro una bomba a mano e riescono a fuggire. La guardia Dionisi lascia la moglie ed una figlia in tenera età. La responsabilità del fatto è attribuita all’organizzazione di estrema sinistra Prima linea e pochi mesi dopo i membri del commando vengono arrestati, insieme agli ideatori dell’azione ed ai dirigenti del movimento, che viene smantellato.
Si ringrazia l’Isp. C. V.zo Marangione.
NOTA: Fra gli organizzatori del piano figura Sergio D’Elia, allora esponente di spicco di Prima Linea. Arrestato nel maggio del ’78, viene condannato per concorso in omicidio, in qualità di mandante, a trent’anni di reclusione, poi ridotti a 25 in appello ed infine dimezzati in applicazione della legge sulla dissociazione dal terrorismo e per altri benefici di legge, venendo scarcerato dopo dodici anni. Nel 1993 milita nel Partito Radicale e fonda l’associazione “Nessuno tocchi Caino”. Nel 2000 è riabilitato, con sentenza del Tribunale di Roma. Nel 2006 viene eletto al Parlamento Italiano quale deputato del partito Rosa nel Pugno ed ottiene l’incarico di Segretario della Camera dei Deputati.


Fonti: