Custrà Antonio

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Merito Civile

Alla Memoria


Vice Brigadiere della Polizia di Stato
Data del conferimento: DPR 12/05/2004

Gazzetta ufficiale: N°200 del 29.8.2006 S.O. n° 187


Motivazione:

“Nel corso di un servizio di ordine pubblico, unitamente ad altri commilitoni, fronteggiava un gruppo di facinorosi che, dopo un fitto lancio di bottiglie molotov e corpi contundenti, aprivano il fuoco. Mortalmente ferito, immolava la giovane vita ai più nobili ideali di coraggio e spirito di servizio. 14 maggio 1977 – Milano ”

 


Biografia


Venne ucciso il 15 Maggio in Via De Amicis a Milano nel corso di una manifestazione di piazza promossa dalla sinistra extraparlamentare. Poco prima la manifestazione era degenerata nell’assalto e nel saccheggio di un supermercato della vicina Via Olona. Il III Reparto Celere muovendo lungo la via De Amicis si schierò sulla via De Amicis, all’ incrocio con Via Ausonio trovandosi a fronteggiare gli autonomi che iniziarono ad aprire il fuoco contro gli agenti. Il vicebrigadiere Custra venne colpito al volto da uno dei proiettili esplosi dagli autonomi che gli trapassò da parte a parte la visiera del casco, colpendolo alla testa ed uccidendolo. Antonio Custra era sposato. La moglie era in attesa di una bambina che nacque alcuni mesi dopo la morte del padre. Molti dei manifestanti coinvolti degli scontri furono arrestati il giorno stesso e successivamente, ma nessuno fu accusato formalmente di essere l’assassino del vice brigadiere Custra, il cui omicidio deve quindi considerarsi insoluto.


Fonti: