Aversa Salvatore

Commenti disabilitati

Medaglia d’oro al Valore Civile

Alla Memoria


SOVRINTENDENTE CAPO DELLA POLIZIA DI STATO
Data del conferimento: DPR 30/04/1992

Gazzetta ufficiale: N°140 del 16.06.1992


Motivazione:

“Sovrintendente Capo della Polizia di Stato, nonostante le continue minacce e ritorsioni, perseverava, con spirito di abnegazione ed elevata capacità professionale, in difficili indagini di polizia giudiziaria in un ambiente ad alto rischio e contaminato da infiltrazioni mafiose, rimanendo vittima, insieme alla moglie, di un vile attentato. Splendido esempio di assoluta integrità morale ed altissimo senso del dovere spinti fino all’espremo sacrificio. Lamezia Terme (Cz), 4 gennaio 1992.”

 


Biografia


Venne assassinato a colpi di pistola il 4 Gennaio a Lamezia Terme (CZ) insieme alla moglie in un agguato compiuto da killers della ‘ndrangheta. Aversa e la moglie, Lucia Precenzano, si trovavano in una via centrale della cittadina quando vennero affiancati da un assassino solitario che uccise entrambi facendo fuoco con una pistola rubata pochi giorni prima nell’abitazione di un poliziotto appartenente allo stesso commissariato del sovrintendente Aversa. L’assassino, affiancato da un complice, riuscì a fuggire. Il Sovrintendente Capo Aversa era considerato uno dei migliori investigatori in servizio presso la Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Lamezia Terme oltre che uno dei principali nemici delle cosche mafiose della zona. Le indagini sul delitto apparvero subito difficoltose, deviate da “testimonianze” discutibili che rallentarono notevolmente l’inchiesta. Pochi mesi dopo il delitto la stessa salma del Sovrintendente Capo Aversa venne violata e i suoi resti dati alle fiamme. Fu solo nel 2000 che il delitto venne risolto dagli investigatori. I mafiosi lametini, preoccupati dalle indagini del Sovrintendente Aversa, decisero di assassinarlo e ne commissionarono il delitto alla criminalità pugliese che lo eseguì’. Mandanti ed esecutori materiali del delitto vennero arrestati.


Fonti: Corriere della Sera