Applicazione del beneficio di cui all’art. 3, comma 7 D.Lgs 165/1997:
alcuni suggerimenti

Commenti disabilitati

A seguito dell’invio all’Inps di competenza della diffida (utilizzando e/o personalizzando l’apposito fac-simile da noi suggerito) ci avete segnalato che l’INPS, in alcune Regioni, ha risposto limitandosi a dichiarare di aver applicato le indicazioni fornite dal corpo di appartenenza.
Al fine di evitare un rimpallo di responsabilità da un ente all’altro, vi suggeriamo di inoltrare la diffida con raccomandata a.r. o a mezzo pec, sia alla vostra amministrazione di appartenenza, sia alla sede INPS competente per l’erogazione della Vostra pensione.
Qualora non pervenisse alcuna risposta o la risposta fosse negativa o non contenesse di fatto alcuna reale risposta alla Vostra richiesta, non resta che la strada del ricorso giudiziario da intraprendere innanzi alla Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale della Regione di residenza.
Vi consigliamo inoltre, qualora non ne foste già in possesso, di richiedere all’INPS o alla Vostra amministrazione di appartenenza, copia del Modello PA04 con domanda di accesso ai documenti amministrativi di cui alla L. 241/1990. Tale modello, unito alla determina della pensione costituisce infatti uno dei documenti essenziali per incardinare il ricorso.

Avvocato Chiara Chessa
Avvocato Eleonora Barbini


Per Informazioni e Ricorsi

Contattare Avvocati
Guido Chessa
Chiara Chessa
Eleonora Barbini
Viale Michelangelo, 26 52100 Arezzo
Telefono: 0575 27 351
Cellulare: 339 795 1657
(Avvocato Guido Chessa)
3401025443 (Avvocato Chiara Chessa)
Fax: 0575 35 49 91
E-mail: avvguidochessa@gmail.com
avvocatochiarachessa@gmail.com
Posta Certificata:
avv.guidochessa@pcert.it